8. Juli 2020

Il modello di valutazione dei prezzi della Banca Svizzera stima che il valore equo di Bitcoin sia di $10.670

Secondo uno dei due nuovi modelli di valutazione sviluppati dalla banca svizzera Seba, il fair value del Bitcoin ammonta a 10.670 dollari. Ciò implica che il Bitcoin, che attualmente sta cambiando di mano a 9.230 dollari, è attualmente sottovalutato.

Il nuovo modello di valutazione fa un confronto con i modelli di forex

Secondo un recente post sul blog di Seba, il loro nuovo modello di valutazione fa un confronto con i modelli di valutazione del Forex per determinare il fair value di Bitcoin:

„Nello spazio FX, per esempio, la parità del potere d’acquisto (PPP) e la parità del tasso d’interesse scoperto (UIP), due modelli basati su concetti solidi, forniscono stime messe in discussione da prove empiriche. Nonostante i loro scarsi risultati, questi modelli formano e costituiscono la base della comprensione del mercato FX da parte degli investitori, in quanto aiutano a spiegare dove il valore della valuta ha origine in un mondo di denaro in cui nessuna delle valute ha un valore intrinseco“.

Secondo il post del blog di Seba, gli attuali modelli di valutazione collocano il valore del network Bitcoin Evolution tra 0 e 100 trilioni di dollari, che è una gamma molto vasta che non fornisce alcuna intuizione. Seba, d’altra parte, mira a fornire una visione realistica con i suoi nuovi modelli di valutazione Bitcoin.

Come fa Seba a determinare il prezzo equo?

L’equazione di Seba per determinare il prezzo equo di qualsiasi crittovaluta si basa su quattro caratteristiche chiave di ogni catena di blocco e della relativa crittovaluta associata:

  • il parametro di rete indica l’entità dell’adozione ed è determinato dal numero di utenti
  • Il valore di immutabilità misura la sicurezza della rete ed è descritto dal tasso di hash rate di rete calibrato e da un parametro di immutabilità i
  • la politica monetaria di una moneta criptata è descritta da un indice che misura la proporzione dell’offerta circolante rispetto all’offerta totale e il parametro della scarsità
  • il tipo di valuta descrive se la moneta criptata è più un mezzo di scambio o un deposito di valore e si misura in base alla proporzione del volume delle transazioni rispetto all’offerta totale corrente

I ricercatori di Seba hanno notato che sembra che il prezzo dipenda in gran parte dalla domanda e dall’offerta:

„Secondo le nostre stime, le variabili più sensibili nella valutazione delle crittocorse sono il numero di utenti (domanda) e la politica monetaria (offerta) misurata dal parametro n della rete e dal fattore di scarsità s. I parametri di immutabilità e Gresham, rispettivamente i e g, hanno invece una minore elasticità del prezzo“.

Il valore equo è di 10.670 dollari

Secondo questo modello, il valore equo del Bitcoin è attualmente pari a 10.670 dollari. Seba ha anche pubblicato il grafico storico dei prezzi del prezzo equo del Bitcoin come determinato dal loro nuovo modello di valutazione.

Ciononostante, Seba ammette i limiti dei propri modelli, poiché le stime dei modelli per le altre crittocurrenze rimangono inconcludenti.

Il secondo modello di valutazione dei prezzi di SEBA
Allo stesso tempo, SEBA ha anche pubblicato un altro modello di valutazione dei prezzi, che si basa sull’esistenza della parità mineraria. Il rapporto recita:

„Il secondo modello confronta i tassi di cambio delle valute crittografiche all’interno dello spazio delle valute crittografiche. Si basa su una condizione di non arbitraggio (parità mineraria). Secondo questo modello, i minatori dovrebbero aspettarsi lo stesso profitto quando estraggono valute crittografiche comparabili in termini di algoritmi di consenso. L’evidenza empirica sostiene fortemente l’esistenza della parità mineraria“.

Questo modello si basa sul presupposto che in un mercato libero, i minatori passeranno tra le valute crittografiche che utilizzano lo stesso algoritmo minerario (per esempio Bitcoin, Bitcoin Cash e Bitcoin SV) se si offrono profitti più elevati. Se tutte le valute fossero scambiate ai loro prezzi equi, l’estrazione mineraria di una qualsiasi delle valute crittografiche comparabili genererebbe lo stesso profitto.

Il primo prezzo ufficiale del Bitcoin era di $0,00076

Come fatto divertente, la prima quotazione dei prezzi Bitcoin risale al 5 ottobre 2009, quando il New Liberty Standard ha pubblicato il primo tasso di cambio Bitcoin. Il servizio del Liberty Standard ha permesso agli utenti di scambiare Bitcoin al tasso di cambio di 1.309 BTC con un dollaro statunitense o 0,00076394 dollari per Bitcoin. Questo tasso di cambio derivava dal costo dell’elettricità utilizzata da un computer per estrarre la valuta.

Mentre la valutazione di SEBA stima che il prezzo equo sia superiore a 10.000 dollari, il Bitcoin ha attraversato questa soglia psicologica solo una volta dal dimezzamento di maggio 2020. Questo è successo il 2 giugno. Per il resto, il prezzo ha oscillato tra i 9.000 e i 10.000 dollari, appena al di sopra del prezzo di pareggio massimo osservato dal minatore Bitcoin.